Umbria/Pesca: Provincia Terni, immissione 43,5 q trote nel Fario

(ASCA) – Terni, 21 feb – In occasione dell’apertura della stagione di pesca, prevista per il 26 febbraio, l’assessorato alla Caccia, Pesca e Agricoltura della provincia di Terni, ha programmato l’immissione di 43,5 quintali di trote Fario nel bacino idrografico del territorio. Lo annuncia una nota dell’ente evidenziando che buona parte degli esemplari sono stati allevati nel laboratorio di Terria della Provincia dove e’ in atto da anni, per questa specie, un progetto di selezione e recupero del ceppo mediterraneo autoctono. Il programma prevede l’immissione di 20 q. di trote nel tratto alto del fiume Nera, 6 q. nel fiume Velino, 5 q. nel lago di Piediluco, 6 nel torrente Chiani, 1,5 nel torrente Aja, 1,5 nel torrente Fersinone e 3,5 nel tratto basso del fiume Nera, di cui 1,5 saranno immesse all’altezza di Terni (Ponte Allende) e 2 all’altezza di Narni (Ponte d’Augusto).

”L’immissione delle trote Fario – ha detto l’assessore alle Politiche ittico-faunistiche Filippo Beco – riguarda tutti i principali corsi d’acqua ed e’ un ulteriore testimonianza dell’impegno della Provincia per la valorizzazione del territorio. Motivo di soddisfazione per noi e per i pescatori e’ la possibilita’ di introdurre specie autoctone allevate al laboratorio di Terria grazie a tecnici esperti e preparati e alla collaborazione delle associazioni di pescatori con le quali la Provincia interagisce costantemente. In occasione dell’apertura di domenica prossima – ha concluso – la Polizia provinciale attivera’ controlli e monitoraggi sul rispetto delle norme e sul regolare svolgimento delle attivita’ di pesca”.