/Esperti

CONVEGNO NAZIONALE “LA VERA FACCIA DEGLI ATC” – SARDARA, 14 APRILE 2018

(clicca sulla locandina per maggiori dettagli)

PUGLIA: ASSOLUZIONE PER UN CACCIATORE ISCRITTO AL “CPA” SANZIONATO DAGLI AGENTI DELLA POLIZIA PROVINCIALE DI TARANTO

ASSOLUZIONE PER UN CACCIATORE ISCRITTO AL "CPA" SANZIONATO DAGLI AGENTI DELLA POLIZIA PROVINCIALE DI TARANTO, PERCHE', SECONDO LORO, ESERCITAVA LA CACCIA ALL'INTERNO DEL PARCO REGIONALE "TERRA DELLE GRAVINE" Su quasi tutti i quotidiani locali di

CACCIA AL CERVO : MEGLIO NON SPARARE AL COLLO !

In questi giorni, sono andato a verificare la taratura del mio 308Win e in particolare le munizioni che ho ricaricato con le palle Nosler Partition da 165grn spinte da 45grn di polvere Vith. N 140.

Lupi: Ligonchio, sarebbero oltre 70 le pecore morte. Feriti gravemente, alcuni cani Maremmani.

Sarebbe accaduto nella notte tra sabato e domenica scorsi. Gli ovini ( circa 500 ) pare si trovassero all'interno di un recinto elettrificato, sorvegliati da un branco di cani Maremmani.    Piu' di 70 sarebbero

“LA CACCIA IN DEROGA NON È UN MIRAGGIO”

La possibilità di esercitare il prelievo in deroga non è un miraggio e non è assolutamente vero che ormai sia impossibile, per le Regioni interessate, predisporre e approvare i necessari provvedimenti in tempo utile per l’ormai imminente

Piccoli di Capriolo: così fan tutti?…….

Ho visto le previsioni e immagino che, nei prossimi giorni, gli Agricoltori potranno finalmente occuparsi dello sfalcio, ostacolato sino ad oggi, dalle avverse condizioni meteo. Consentite anche a me di fare un appello ed illustrare con

Sensibilità “Animalista” e Cultura Venatoria millenaria, le radici profonde di un conflitto!!!

Leggo sui quotidiani e Siti Internet, dei cervi abbattuti nei giorni scorsi, ed esposti alla pubblica attenzione ; oggi in particolare sulla Gazzetta di Reggio. Ci tengo a ricordare che anche il sottoscritto, l'estate scorsa,

Politica, Regioni, ATC, Associazioni Venatorie, Animalari e ISPRA………….

Probabilmente ci sfugge il concetto che oggi vige in Italia nel non aver una legislazione venatoria fluida e troppo legata all'ispra nazionale. La quale da oltre 30 anni sta tentando di accorciare la caccia alla migratoria.

Pericoli della montagna

  La nebbia è forse uno di quei problemi che spesso sottovalutiamo, infatti in caso che venivamo sorpresi dalla nebbia è meglio rimanere sul sentiero. In caso che ci troviamo in posti discosti è meglio

Le tecniche

L'ATTESA   Il cacciatore attende con pazienza, a distanza di tiro da un passaggio della selvaggina. Questo metodo di caccia viene praticato al crepuscolo e all'alba. Quando la selvaggina si reca o ritorna dal pascolo.